Auguri per un Santo Natale del vescovo Claudio

Stefano Callegaro

L’augurio che desidero fare in questo Natale 2021, ancora segnato dalle conseguenze della pandemia, è di poterci aprire sempre di più alla dimensione della fratellanza, dell’amicizia, della solidarietà: sentimenti e atteggiamenti che nascono prima di tutto nelle nostre case e si estendono poi alle nostre comunità parrocchiali e alla società.

«La pandemia – ci ha ricordato papa Francesco – ci ha colpiti globalmente, ci ha fatti sentire tutti sulla stessa barca ci ha fatto provare che cosa significa avere le stesse paure. Abbiamo capito che le grandi questioni vanno affrontate insieme, perché al mondo d’oggi le soluzioni frammentate sono inadeguate».

Oggi abbiamo più che mai bisogno di superare il limite dell’io per aprirci alla dimensione del noi, abbiamo necessità di dare gambe e cuore all’amicizia sociale, alla solidarietà, perché viviamo un tempo segnato dalla sofferenza e da tante situazioni che, invece di unirci, portano a dividerci e a creare conflitti. C’è bisogno di sentirsi solidali con gli altri, fratelli e sorelle sparsi nel mondo.

Come Chiesa di Padova abbiamo vissuto questo tempo verso il Natale all’insegna di un invito: “verso un noi sempre più grande”. Ed è questa dimensione del noi, che desideriamo vivere e celebrare, desideriamo sentirci ed essere “fratelli tutti”.

Celebrare il Natale è accogliere Gesù che viene ad abitare in mezzo a noi. Il Signore ci insegna a vivere, a dare contenuto e significato di felicità, di benessere, di pace alla nostra convivenza umana.

L’augurio alla fratellanza universale – di cui il Natale è segno con il farsi fratello degli uomini e delle donne di Dio, con il farsi “fratello piccolo”, bisognoso di famiglia e di comunità – può risultare più sorprendente se percepiamo che si tratta di una logica diversa da quella della nostra cultura occidentale, sempre più centrata sull’io. L’individualismo richiede autonomia, autosufficienza, salute. La piccolezza – solo la piccolezza – percepisce e proclama che si può vivere solo insieme, con un “noi” che si estende e diventa grande quanto più sono diffuse le nostre fragilità: proprio come stiamo vivendo con il Covid-19 e i problemi di salute, con le migrazioni forzate e i morti in mare e nelle rotte balcaniche, con la precarietà nel lavoro come nel caso della Speedline, con l’impegno per arginare l’inquinamento da Pfas e la necessità della cura e custodia dell’ambiente. Insieme possiamo affrontare le sfide della vita.

Facendosi piccolo e fragile il Signore Gesù ci introduce alla logica nuova della fratellanza, sulla strada dell’apertura e della presa in cura dei fratelli e delle sorelle più deboli. Prendendo in braccio Gesù Bambino impariamo a prendere in braccio tutti coloro che sono più bisognosi e fragili. La piccolezza – solo la piccolezza – o un cuore convertito percepiscono e proclamano che si può vivere solo insieme.

Fare gli auguri di Natale oggi è ricordarci che siamo tutti fratelli e sorelle.

Buon Natale! Buona apertura alla fratellanza universale!

+ Claudio Cipolla, vescovo

Scritto da Stefano Callegaro
Guarda le foto legate alla notizia
Notizie principali:

Marcia diocesana della Pace

Domenica 23 gennaio si svolgerà l'annuale "Marcia della Pace" diocesana, con partenza da Montagnana.

In questo link facebook è possibile trovare tutte le informazioni necessarie https://www.facebook.com/marciaperlapace

La marcia si svolgerà nel rispetto delle vigenti normative.

Stefano Callegaro

Leggi di più

Ordinazione Episcopale di Mons. Giampaolo Dianin, eletto vescovo di Chioggia

L’Ordinazione Episcopale di Mons. Giampaolo Dianin, eletto vescovo di Chioggia verrà celebrata Domenica 16 gennaio 2022 alle ore 16:30 presso la Basilica Cattedrale di Padova, per l’imposizione delle mani e la preghiera di S.E.R. Mons. Claudio Cipolla, Vescovo di Padova cui si uniranno S.E.R. Mons. Antonio Mattiazzo, Arcivescovo Vescovo emerito di Padova e S.E.R. Mons. Adriano Tessarollo, Vescovo emerito e Amministratore

A motivo delle restrizioni dovute al Covid-19 è stato necessario contingentare il numero di partecipanti, per questo l’accesso alla celebrazione avverrà solamente su invito personale con biglietto inviato via email*.
Sarà possibile seguire l’Ordinazione Episcopale attraverso la diretta TV sul canale 14 del digitale terrestre (Telechiara) e sul sito e canale YouTube della diocesi di Padova (www.diocesipadova.it – www.youtube.com/diocesipadova).

 

Informazioni tecniche per chi ha ricevuto l’invito personale e il biglietto via email:

La Basilica Cattedrale sarà aperta dalle ore 15:15.
Possibilità di parcheggiare dalle ore 14:45 in Facoltà Teologica (Via Seminario, 7) fino ad esaurimento posti.

È possibile partecipare solo se:
– non si è sottoposti alla misura della quarantena;
– non si ha avuto contatti con persone positive al COVID-19;
– non si ha febbre (temperatura corporea inferiore ai 37,5°C), mal di gola, tosse, difficoltà respiratoria, perdita dell’olfatto e del gusto, diarrea, dolori articolari e muscolari diffusi o altri sintomi riconducibili a COVID-19;
– si rispetta le norme date sul distanziamento sociale, uso delle mascherine (consigliata la mascherina FFP2.), lavaggio delle mani, nonché tutte le disposizioni indicate dalla cartellonistica informativa presente agli ingressi della Basilica Cattedrale.

* la mail con i dettagli della celebrazione e le indicazioni di accesso è inviata agli invitati che hanno dato conferma della loro partecipazione.

Stefano Callegaro

Leggi di più

Omelia della Notte di Natale del vescovo Claudio

È ancora Natale!

Il mondo, con la sua storia e la sua vitalità, continua il suo cammino e affronta nuovi orizzonti e nuove sfide. Si sono attraversati e si attraversano rischi, errori e si scoprono risultati inattesi. I cambiamenti sono stati tantissimi e di grande spessore in questi tempo, al punto che non sempre gli abitanti del presente, di questo oggi, si riconoscono in casa e al punto che molto spesso i nostri profeti, come papa Francesco, lanciano allarmi a partire dai poveri, o dalla madre terra, o dalle guerre o dalle malattie. Il mondo è cambiato ma ancora i suoi abitanti sono scelti da Dio come destinatari del suo amore e con la sua luce li vuole sostenere. È ancora Natale!

Talvolta abbiamo la sensazione che si tratti di ripetizione di un fatto del passato, oppure della replica di una scena di teatro per tenere viva la memoria con una rappresentazione; una recita che migliora o peggiora a seconda degli interpreti; talora proviamo nostalgia delle vecchie edizioni degli scorsi anni, come ho provato guardando qualche giorno fa i caroselli in bianco e nero della Rai di un tempo. Ci può essere anche un po’ d’invidia per contesti più caldi ed emotivi che via via vengono riproposti offuscando l’emergere del protagonista, del vero protagonista.

Lo sguardo rivolto al Cielo, al Padre del Signore Gesù che è all’inizio della storia della salvezza, ci ricorda che è lui che sceglie di volerci bene e che è lui che vuole porre la sua casa tra le nostre, che vuole assumere le nostre come vita e storia sua; È Dio che viene a condividere, a stare con noi. Con noi, così come siamo, con le nostre scelte e i nostri orientamenti. Noi cambiamo, siamo cambiati ma lui continua a sceglierci e a volerci bene. Siamo gli uomini e le donne che egli ama.

Quest’anno ci presentiamo con un po’ di stanchezza e con molte ferite.

Il nostro orgoglio e la nostra Torre di Babele si sono indeboliti, scricchiolano. Con le nostre conquiste tecnico-scientifiche e con i nostri capitali finanziari abbiamo visto che la carne, la stessa che Gesù ha assunto, cioè la storia e la vita, presentano all’umanità un saldo difficile da affrontare. Alcuni hanno migliorato le loro posizioni economiche e sociali ma se riflettiamo come parte di un Noi più grande, grande come il mondo, ci sono troppi sanguinamenti, troppo dolore, troppa paura del futuro, troppa disperazione, al punto che ci sono uomini, donne e bambini che osano sfidare la sorte.

Oltre 5 milioni di morti per il covid-19 nel mondo,  a cui sono da aggiungere gli altri effetti a livello di salute, tutte le preoccupazioni e le disuguaglianze e le innumerevoli difficoltà economiche; e sempre più anche a livello relazionale e di rapporti sociali.

Oltre 1.300 morti nella traversata del Mediterraneo solo nel 2021; guerre e disordini sociali dalla Terra Santa all’Ucraina, dall’Africa alle Americhe, all’Oriente.

Si aggiunge, in questi ultimi anni, quanto anche Papa Francesco ricorda circa il cambiamento climatico: è un sintomo del malessere di cui sta soffrendo la nostra madre terra e che diventa sempre più insopportabile, insostenibile e pericoloso.

Questi sono volti del nostro mondo, volti di cui si è connotato il nostro tempo e la nostra vita. Ad essi sarebbero da aggiungere i nostri problemi e drammi personali, quelli che riguardano le nostre famiglie soprattutto quando sperimentiamo la fragilità della salute o la precarietà del benessere economico e della pace sociale; oppure quando priviamo le nostre relazioni affettive e la nostra socialità di stabilità e di profondità.

La nostra carne, quindi, si presenta al Signore che viene come carne pesante da assumere, come storia impegnativa da amare.

Noi celebriamo la venuta del Signore in questa storia e in questa vita.

Il Natale dunque ci parla di Dio innanzitutto, del Dio di cui si è fatto testimone Gesù. Ci annuncia il suo interesse per noi, il suo amore per noi. Ma il Natale parla anche di noi: se ci vediamo riflessi nel suo cuore, ci dice di quanto sia preziosa e importante la nostra storia e la nostra carne umana.

I credenti non possono sciupare o maltrattare ciò che Dio ama: la vita e la storia degli uomini e del pianeta!

Dice il cardinale Martini in una riflessione breve proposta per il Natale del 1983 che mi è stato inviata da un amico: «Con la venuta di Gesù nel mondo non è cambiato in un certo senso nulla per quanto riguarda le vicende esteriori: ancora si ride e si piange, ci si ammala e si sta bene, si combatte, si vince, si perde, si muore. La vita scorre come scorreva prima della nascita di Gesù. Tuttavia per chi accoglie l’annuncio degli Angeli cambia il senso di ogni evento, cambia l’orizzonte e la prospettiva in cui esso si compie, cambia la forza interiore con cui lo si vive; in una parola cambia tutto. È come quando, in matematica, al posto di un segno negativo davanti ad un numero, ne poniamo uno positivo, al posto di un meno, mettiamo un più; il numero sembra lo stesso, in realtà cambia tutto. Gesù, accolto nel cuore con amore, cambia la vita, cambia la storia, cambia l’eternità. Tutto è nuovo, tutto acquista senso, tutto il dolore è intriso di speranza, tutta la gioia è soffusa di moderazione e di scioltezza; tutto il lavoro è vissuto come qualcosa che costruisce, o qui o poi, la casa dove abitare».

Si rinnovi, allora, in questo Natale la speranza di poter servire, la speranza di poter edificare comunità di credenti nelle quali crescere e diventare carne della stessa carne degli uomini e delle donne del 2022, esattamente come Gesù che assume questa carne; comunità di credenti che trovano forza e coraggio vedendo e meditando la scelta che il figlio di Dio ha compiuto nei nostri confronti: proprio come Gesù anche noi prendiamo casa tra la gente e nella nostra città di Padova e, come Gesù, amiamo i nostri fratelli e le nostre sorelle allargando il nostro cuore ad un noi sempre più grande nel quale non ci sono chiavi per chiudere, né muri per escludere.

Rinnoviamo dunque la speranza che sia possibile cambiare il cuore di ciascuno di noi, per servire come Gesù la vita del nostro tempo e del nostro mondo.

Sappiamo che lo Spirito del Signore Gesù opera ben oltre i nostri spazi e le nostre comunità e così vediamo sbocciare germogli ovunque. Ovunque i germogli sbocciano – come bene, amore, pace – noi riconosciamo Gesù all’opera. Ci ricordiamo pure che Lui, per grazia, ci ha scelti – ha scelto ciascuno di noi – perché  ci ha chiamati a partecipare lla sua missione di bene.

È ancora Natale, grazie al Cielo

Buon Natale a tutti voi e alle vostre famiglie, ai vostri cari!

Buon Natale alla nostra città, al nostro paese e a tutti gli uomini e donne amati dal Signore.

 + Claudio Cipolla, vescovo di Padova

Stefano Callegaro

Leggi di più