Settimana per l'unità dei cristiani

Stefano Callegaro

Quali silenzi? è il titolo del convegno ecumenico, in programma in modalità on line, venerdì 15 gennaio, dalle ore 20.45 alle ore 22, promosso dal Consiglio delle chiese cristiane di Padova per accompagnare e introdurre la Settimana di preghiera per l’unità dei cristiani. Il convegno si svolgerà a distanza e sarà possibile seguirlo sul canale You Tube del Consiglio delle Chiese cristiane di Padova, all’indirizzo: https://www.youtube.com/channel/UCWU1g4sq_s7DGU4ckkgjNHQ/featured

Il titolo Quali silenzi? pone l’accento sul discernimento necessario per distinguere i buoni dai cattivi silenzi, specie in questo tempo che si sta vivendo. Intervengono: Alberto Peratoner, filosofo, consulente della Congregazione mechitarista di San Lazzaro (Armeni); Annarosa Ambrosi, iconografa della Scuola di Iconografia San Luca di Padova ed esperta di spiritualità ortodossa.

La Settimana di preghiera per l’unità dei cristiani  si celebra, come di consueto, dal 18 al 25 gennaio. Il tema scelto per il 2021 è tratto dal Vangelo di Giovanni “Rimanete nel mio amore: produrrete molto frutto” (Cfr Gv 15,5-9) ed esprime la vocazione alla preghiera, alla riconciliazione e all’unità della Chiesa e del genere umano della comunità monastica di Grandchamp, a cui è stato affidato il compito di scegliere il tema e redigere il sussidio di accompagnamento alla preghiera della Settimana.

Dal 18 al 25 gennaio, come di consueto, nel santuario di San Leopoldo a Padova, alle ore 18.30 nei giorni feriali e alle ore 18 il sabato e la domenica, si celebrerà l’Eucaristia con le intenzioni della Settimana di preghiera per l’unità dei cristiani.

Inoltre un secondo appuntamento che contraddistingue questo tempo di preghiera sarà la Preghiera ecumenica promossa dal Consiglio delle Chiese cristiane di Padova, che vedrà la partecipazione del vescovo Claudio Cipolla e dei rappresentanti della altre Chiese cristiane del territorio: Ioannis Antoniadis (Chiesa ortodossa greca); pastora Daniela Santoro (Chiesa evangelica metodista); pastore Johannes Sparsbrod (Chiesa evangelica luterana) e padre Liviu Verzea (Chiesa ortodossa romena).

La preghiera ecumenica si terrà lunedì 18 gennaio, alle ore 18.30 nella chiesa della parrocchia di San Giuseppe a Padova.

Scritto da Stefano Callegaro
Notizie principali:

Scuola di Preghiera

Manca pochissimo al prossimo appuntamento della Scuola di Preghiera del 18 gennaio!
Per vivere il momento di preghiera, collegati su YouTube alle 20.45 e poi, per chi desidera, ci si potrà spostare su Zoom per un momento di condivisione (iscriviti su
http://www.postosdp.tk).

Stefano Callegaro

Leggi di più

Verso la domenica della Parola

In preparazione alla Domenica della Parola di Dio (24 gennaio 2021), voluta da Papa Francesco, il Settore apostolato biblico (SAB) dell’Ufficio per l’Annuncio e la Catechesi e la comunità dei diaconi permanenti organizzano una serata di riflessione e di condivisione, ponendosi questa domanda: come essere al servizio della Parola di Dio? La Dei Verbum parla di “ministero della parola”, che è affidato particolarmente a sacerdoti, diaconi e catechisti; aggiungiamo volentieri anche i lettori, che offrono la loro disponibilità per la proclamazione della Parola di Dio nella liturgia. La serata, in programma giovedì 21 gennaio alle ore 20.45 sarà scandita così: dopo una riflessione sul cap. VI della Dei Verbum (La Parola di Dio nella vita della Chiesa) e sul ruolo dei Diaconi, ci sarà spazio per ascoltare alcune esperienze significative. Sono previsti gli interventi di don Maurizio Rigato (biblista) sul tema La Parola di Dio nella vita della chiesa e di don Raffaele Gobbi (delegato del diaconato permanente) su La diaconia della Parola di Dio nella vita quotidiana. Seguiranno delle testimonianze di diaconi permanenti.

La serata si svolgerà online attraverso i canali Youtube e Facebook della Diocesi di Padova.

Stefano Callegaro

Leggi di più

Il presepe di Bovolenta

In quest’anno particolare, in cui la nostra comunità è costretta a non incontrarsi e a non stare vicina, si è pensato di realizzare il presepio inserendo delle piccole sagome che ci “rappresentano”,  e che saranno poste una vicina all’altra, nel presepio, verso Gesù che nasce. Questo simbolo è l’unico modo che oggi la nostra comunità ha per stare vicina.

Per questo, chi ha avuto piacere di farsi comunità e di essere presente, ha trovato la possibilità di scrivere il proprio nome sulle piccole sagome inserite nella coda della stella cometa per impegnarsi in questo progetto di comunità.

Un ringraziamento ai volontari che si sono adoperati per la realizzazione del presepe, che potete vedere andando in Chiesa sulla navata di destra. Le due foto in allegato sono una piccola degustazione.

Per chi può e desidera, è possibile lasciare un'offerta sul cestino vicino al presepe.

Stefano Callegaro

Leggi di più